1 Feb 2020

Brescia ancora on the road, la Germani testa le ambizioni di Trento

Seconda trasferta consecutiva per la Germani Basket Brescia, che dopo il viaggio compiuto a Oldenburg (e alla vigilia di quello verso Patrasso) si sposta a Trento per affrontare la Dolomiti Energia in occasione della 21/ma giornata di Serie A.

Reduce da due sconfitte consecutive, il quintetto bresciano cercherà di ritrovare il feeling con la vittoria, pur nella consapevolezza di aver compiuto comunque il proprio dovere nelle ultime due uscite, nelle quali il successo è sfuggito davvero d’un soffio.

Al di là della necessità di recuperare le energie fisiche consumate da un calendario fitto di impegni, la Germani dovrà tornare a curare i dettagli relativi al proprio gioco, sapendo comunque di affrontare una squadra che vuole invertire la tendenza di fronte al proprio pubblico (non vince in casa da fine dicembre) e che in campionato è reduce dal colpaccio messo a segno a Sassari che l’ha rilanciata nella corsa per la qualificazione ai playoff scudetto.

LE INFO SULLA PARTITA

Dolomiti Energia Trentino-Germani Basket Brescia si gioca alla BLM Group Arena (Via Fersina, 11 | Trento) domenica 2 febbraio alle ore 17.30.

LE INFO SUI BIGLIETTI

I biglietti sono acquistabili on line sul circuito Vivaticket.it (QUI il link diretto) e presso le biglietterie dell’impianto trentino, che apriranno alle ore 16.00.

QUI TRENTO

Nel capoluogo trentino in molti sperano che il canestro realizzato a fil di sirena da Alessandro Gentile sul campo della Dinamo Sassari possa rappresentare la vera svolta di una stagione vissuta dalla Dolomiti Energia tra molti alti e bassi.

Quello che è mancato alla squadra guidata da Nicola Brienza, infatti, è la continuità di risultati, che non ha permesso alla formazione bianconera di dare seguito alle cose buone realizzate durante la stagione. Tra queste c’è senza dubbio la qualificazione alle Top 16 di EuroCup, anche se con due turni da disputare la Dolomiti Energia occupa l’ultimo posto della classifica del Girone E senza vittorie all’attivo ed è già certa di dover abbandonare la competizione europea al termine della seconda fase.

La vera Dolomiti Energia è quella che è stata capace di espugnare il PalaSerradimigni o quella strapazzata dalla Virtus Bologna al PalaDozza tre giorni dopo? Rispondere a questa domanda non è semplice. Di sicuro nella rosa bianconera non mancano talento e fisicità, impersonate in questo momento proprio da Alessandro Gentile, che sta dimostrando di trovarsi a proprio agio nel sistema di gioco dei bianconeri e sta continuando a crescere di partita in partita.

Toto Forray, Dada Pascolo, Fabio Mian, Luca Lechthaler, Andrea Mezzanotte e Aaron Craft rappresentano la continuità con il passato, James Blackmon, Justin Knox e Rashard Kelly completano la struttura di una squadra che, salutato definitivamente George King, occupa oggi la nona posizione in classifica ed è in piena lotta per un posto nei playoff. Per riuscire ad agguantarli, l’Aquila dovrà cercare di tornare alla vittoria di fronte al proprio pubblico (l’ultima volta è stato il 26 dicembre con Trieste) e trovare quella continuità di rendimento che fino a oggi ha rappresentato il suo vero tallone d’Achille.

QUI BRESCIA

Le due sconfitte consecutive maturate con Brindisi e a Oldenburg non hanno intaccato la fiducia con cui la Germani Basket Brescia si appresta ad affrontare la partita di Trento, trasferta incastonata tra il viaggio europeo compiuto in Germania e quello da compiere in Grecia.

Dopo le otto partite disputate nel mese di gennaio, in casa Germani la priorità è quella di recuperare energie per affrontare un calendario che a febbraio si preannuncia meno fitto di quello del mese precedente, ma ricco di appuntamenti importanti.

Il primo di questi appuntamenti è proprio quello da disputare sul parquet della Dolomiti Energia, sul quale la squadra bresciana non vanta certo una grande tradizione, nonostante l’ultima vittoria (l’unica in Serie A) sia datata ottobre 2017 e, quindi, non troppo lontana nel tempo.

La partenza di Ojars Silins, ora in forza al club francese del Gravelines-Dunquerke, ha modificato nuovamente la composizione del roster della Germani. Restano ancora da valutare, invece, le condizioni di David Moss, decisamente migliorate rispetto ai giorni successivi alla partita con Brindisi. Lo stato di salute del capitano della Leonessa continua a essere monitorato dallo staff medico e solo nelle ore che precedono il match lo staff tecnico deciderà se utilizzarlo sul parquet della BLM Group Arena o rinviare il suo rientro in campo alla partita da disputare mercoledì prossimo a Patrasso.

EX DELLA GARA E CURIOSITÀ

Nella stagione 2009-2010 la carriera di allenatore di Vincenzo Esposito iniziava proprio sulla panchina dell’Aquila Trento, che all’epoca militava nella Serie A Dilettanti, la stessa categoria dalla quale nello stesso anno era partita l’avventura di Basket Brescia Leonessa.

La Bitumcalor allenata dal coach casertano chiuse la stagione con un bilancio di 15 vittorie e 13 sconfitte, che, per una questione legata alla classifica avulsa, le impedì di raggiungere i playoff promozione. Curiosamente, la partita che Trento disputò a Brescia in quella stagione fu proprio la gara d’esordio, la prima partita disputata in assoluto dalla neonata Leonessa, che fu capace anche di espugnare il PalaTrento nella gara di ritorno.

Al parquet della BLM Group Arena, conosciuto fino a qualche anno fa come PalaTrento, è legata la peggiore partita disputata in Serie A dalla Leonessa, almeno per quanto riguarda le statistiche. Il 23 aprile 2017, infatti, la Germani fu costretta a incassare una sonora sconfitta, maturata con il punteggio di 99-59. I 40 punti di scarto rappresentano il massimo passivo subìto in Serie A dalla formazione bresciana, che in Serie A2 nel settembre 1991 arrivò a subirne addirittura 43 contro la Majestic Firenze (74-117).

LA GARA D’ANDATA

Il verdetto nella gara d’andata tra Germani Basket Brescia e Dolomiti Energia Trentino, disputata al PalaLeonessa A2A lo scorso 13 ottobre, fu assolutamente univoco. 26 i punti di distacco tra le due formazioni alla sirena finale, frutto di una gara giocata dalla Leonessa con concentrazione ed energia dal primo all’ultimo minuto.

Abass, Horton (17 punti a testa), Laquintana (15) e Cain (13) furono gli stoccatori principali della Germani, che chiuse il primo tempo con un vantaggio minimo (40-34) ma seppe accelerare nella ripresa, chiudendo la gara a proprio favore grazie a un parziale monstre di 52-22.

All’Aquila non bastarono i 22 punti Alessandro Gentile, top scorer di giornata, per frenare le ambizioni di una Leonessa capace di portare 11 uomini a segno, con l’eccezione del giovane Giacomo Veronesi, in campo 2′ senza mettere punti a referto.

LE PAROLE DELLA VIGILIA

“Trento è una squadra che è stata costruita per affrontare il doppio impegno, campionato ed EuroCup – spiega Matteo Cotelli, assistant coach della Germani -. Al talento dei singoli aggiunge un elevato livello di energia, atletismo e fisicità. Il nostro approccio alla partita sarà una delle chiavi del match, dopo le ultime due partite molto dispendiose a livello fisico e mentale dovremo essere bravi a pareggiare il loro livello di energia per tutti i 40′. Giocando ogni tre giorni, abbiamo la fortuna di tornare subito in campo dopo gli ultimi due stop e vogliamo fare di tutto per tornare alla vittoria”.

“Tecnicamente, tutto questo si declina nel provare a vincere la battaglia dei rimbalzi, fondamentale in cui i giocatori della Dolomiti Energia sono molto aggressivi e nel quale hanno avuto un grande impatto nelle ultime partite – conclude l’allenatore bresciano -. Dovremo essere bravi a limitare il numero dei loro extrapossessi: Trento è una squadra di specialisti, contro cui dovremo provare a imporre il nostro ritmo, cercare di limitare il numero delle palle perse e giocare in modo fluido per costruire buoni tiri”.

“Sappiamo di affrontare un’altra grande squadra, che ha un ottimo mix di giocatori esperti del nostro campionato e di stranieri con buon vissuto europeo – il pensiero di Nicola Brienza, coach dell’Aquila Trento -. Hanno trovato un’ottima alchimia fin da subito anche grazie al lavoro di coach Vincenzo Esposito e hanno delle gerarchie chiare in cui Vitali è il loro ‘faro’ e Abass il giocatore di riferimento, specie nei momenti chiave della partita”.

“Noi siamo chiamati a mettere in campo una prestazione di intensità e qualità per 40′ – conclude l’allenatore dei bianconeri -. Ho la sicurezza che i ragazzi sanno quanto sia importante per noi questa partita: vogliamo tornare a vincere in casa e rilanciarci in classifica. Non cerchiamo motivazioni nella sconfitta dell’andata o nel passato, abbiamo la testa sul presente e siamo concentrati al massimo sulla partita di domani”.

GLI ARBITRI

La partita tra Dolomiti Energia Trentino e Germani Basket Brescia sarà diretta da Carmelo Lo Guzzo di Pisa, Valerio Grigioni di Roma e Giacomo Dori di Mirano (VE).

LE INIZIATIVE

La partita tra Trento e Brescia sarà l’occasione per commemorare la memoria di Kobe Bryant, recentemente scomparso in seguito a un tragico incidente di elicottero insieme alla figlia Gianna e ad altre sette persone.

Dopo la presentazione delle squadre, sui maxischermi della BLM Group Arena sarà trasmesso un video per commemorare l’ex giocatore dei Los Angeles Lakers. Poco prima della palla a due, invece, sarà osservato un minuto di raccoglimento, secondo le disposizioni della FIP.

Infine, una vetrofania che riporta i numeri 8 e 24, quelli indossati da Bryant durante la sua carriera, troverà spazio sui tabelloni del palasport trentino, secondo quanto disposto dalla Lega Basket al fine di ricordare il grande giocatore statunitense.

TV E MEDIA

La sfida della BLM Group Arena di Trento sarà visibile in streaming su Eurosport Player. La diretta testuale del match troverà spazio come di consueto sul sito ufficiale di Basket Brescia Leonessa.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive