11 Gen 2020

Brescia passa anche a Reggio Emilia, la Germani suona la nona sinfonia

Nuovo successo per la Germani Basket Brescia, che passa con grande autorità anche sul campo della Grissin Bon Reggio Emilia, superata con il punteggio di 87-81. Non lasciatevi ingannare dal punteggio finale e dai soli 6 punti che separano le due squadre alla sirena finale: Brescia, infatti, comanda le operazioni sin dalla metà del primo quarto e solo un pizzico di rilassatezza, mista alla logica stanchezza per aver affrontato un’altra partita a ranghi ridotti, non ha permesso alla Leonessa di chiudere con un vantaggio superiore alla doppia cifra.

Complimenti anche alla Grissin Bon, che non ha mai mollato, neanche quando la partita sembra persa, con divario di 13 punti da recuperare al 37′. La Germani forse alza troppo presto le mani dal manubrio, ma sul traguardo finale è proprio Brescia a transitare per prima, conquistando la nona vittoria consecutiva tra campionato ed EuroCup, la sesta in Serie A, la dodicesima complessiva nelle prime 18 giornate. Un vero capolavoro.



Dopo un primo quarto caratterizzato da botte e risposte continue tra le due squadre (24-22 a favore degli ospiti), Brescia prende le misura agli avversari nella prima metà del secondo periodo, conquistando presto un vantaggio interessante. La difesa biancoblu funziona alla grande, quella emiliana lascia molti spazi ai giocatori di Esposito, bravi a sfruttarli nel migliore dei modi. E così al 20′ il vantaggio della Leonessa è in doppia cifra (48-37), preludio a un secondo tempo da giocare comunque con il coltello tra i denti.

La Grissin Bon fa capire subito che il compito di Brescia è tutt’altro che terminato: un parziale di 7-0 riporta a contatto i padroni di casa, spinti dalle giocate di Johnson-Odom e Fontecchio. Qui si vede la pasta di cui è fatta la Germani, che non si disunisce e, azione dopo azione, torna a macinare il proprio gioco, recuperando 8 punti di vantaggio alla fine del terzo periodo e tornando a menare le danze.

Con sei giocatori in doppia cifra (Abass il top scorer con 16 punti, seguito da Moss, Sacchetti e Zerini a quota 12 e da Cain e Vitali a quota 10) e con un Luca Vitali da 10 (!) assist a referto, Brescia sembra chiudere la pratica dopo i primi 5′ dell’ultimo quarto. Quando resta solo da allungare la mano per cogliere il 12/mo successo in campionato, l’attacco bresciano si ferma di colpo, permettendo alla Grissin Bon di tornare sul -4 e di sparare (sul ferro) la tripla del -1.

Niente paura, non per questa Germani: terminato il momento di distrazione, Brescia torna a fare le cose giuste negli ultimi secondi di gara e chiude la partita con i canestri di Abass e di Vitali, a segno ripetutamente dalla lunetta. La Leonessa raggiunge così la striscia di 9 vittorie consecutive vista due stagioni fa, anche se quelle della Germani 2.0 erano maturate solo in campionato. Quest’anno, invece, c’è anche la coppa europea di mezzo, che finora sta regalando non poche soddisfazioni a tutto l’ambiente biancoblu. E proprio in coppa Brescia tornerà a esibirsi martedì sera, quando andrà in scena il derby italiano in chiave europea con l’Umana Reyer Venezia.



“Siamo arrivati a questa partita in una situazione di stanchezza fisica e sapevamo che sarebbe stato complicato riuscire a mantenere una certa intensità – spiega coach Vincenzo Esposito in sala stampa a fine partita -. Tranne un paio di sbandate nel primo tempo e negli ultimi 3′, però, direi che la squadra ha dimostrato solidità e serenità nell’eseguire il piano partita, soprattutto offensivamente. Quando si inizia a vincere tante gare di fila, è umano accontentarsi e adagiarsi, ma devo dire la squadra sta metabolizzando dei discorsi che vanno anche al di là delle questioni puramente tecniche e questo aiuta molto”.

“Ho visto tante cose positive, anche se non mi è piaciuto il modo di giocare le transizioni nei momenti in cui abbiamo dominato a rimbalzo – conclude l’allenatore campano -. Avremmo dovuto muovere il pallone di più e gestire meglio le spaziature, invece ci siamo accontentati e abbiamo rischiato grosso alla fine. In ogni caso, sto avendo disponibilità da parte di tutti, anche dei più giovani: andiamo avanti così e godiamoci questa stagione, consapevoli che i ragazzi stanno facendo qualcosa di straordinario”.


GRISSIN BON REGGIO EMILIA-GERMANI BASKET BRESCIA 81-87 (22-24, 37-48, 58-66)
Grissin Bon Reggio Emilia: Johnson-Odom 15 (4/6, 1/5), Fontecchio 14 (2/4, 2/3), Pardon 4 (2/3), Candi 8 (3/5, 0/1), Poeta 2 (1/3), Vojvoda 10 (2/5, 2/4), Infante ne, Soviero ne, Owens 8 (4/4), Upshaw 13 (3/4, 2/4), Diouf ne, Mekel 7 (2/5, 1/3). All: Buscaglia
Germani Basket Brescia: Zerini 12 (5/6, 0/1), Warner 3 (0/3, 1/1), Abass 16 (5/7, 2/5), Cain 10 (5/8), Vitali 10 (2/4, 0/2), Laquintana 8 (1/2, 2/4), Lansdowne 4 (0/3, 0/3), Veronesi ne, Guariglia ne, Moss 12 (3/3, 2/2), Sacchetti 12 (1/2, 3/7). All: Esposito
Arbitri: Filippini, Grigioni e Capotorto
Note: Tiri da 2: Reggio Emilia 23/39 (59%), Brescia 22/38 (58%) | Tiri da 3: Reggio Emilia 8/20 (40%), Brescia 10/25 (40%) | Tiri liberi: Reggio Emilia 11/15 (73%), Brescia 13/16 (81%) | Rimbalzi: Reggio Emilia 28 (21 RD, 7 RO), Brescia 37 (25 RD, 12 RO)

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive