C’è Brindisi per una Leonessa in difficoltà: “È il momento di stringere i denti”

10 marzo 2017

“Viviamo un momento di grande difficoltà, per ottenere un risultato positivo contro Brindisi ci sarà bisogno di un extrasforzo da parte di tutti”. La Germani si appresta ad affrontare l’Enel Brindisi al termine di una settimana travagliata dal punto di vista fisico, nella quale solo sei giocatori sono riusciti a lavorare con la necessaria continuità. Un particolare che rende più complicato l’approccio alla gara, in programma al PalaGeorge di Montichiari sabato 11 marzo alle ore 20.30.

L’anticipo della 22/ma giornata è stata presentato nel corso di una conferenza che si è svolta presso la sede di Amica Natura, Top Sponsor della Leonessa, alla quale hanno partecipato il general manager Sandro Santoro, il coach Andrea Diana, l’ala della Germani Christian Burns e l’Ing. Renato Bonaglia, amministratore delegato di Amica Natura.

“Sapevamo che questo sarebbe stato un anno difficile, da neopromossi bisogna essere sempre lungimiranti e pronti ad affrontare ogni tipo di insidie – spiega Sandro Santoro, general manager della Leonessa -. Abbiamo appena vissuto la settimana peggiore da molti mesi a questa parte. Oggi più che mai dobbiamo essere dei combattenti e mostrare lo spirito che abbiamo avuto in questi mesi. Il fatto di aver recentemente allungato il roster con Laganà dimostra che se si è lungimiranti a volte si può fare fronte a episodi negativi come l’infortunio di Michele Vitali”.

“Mancano ancora 9 partite alla fine della regular season, un numero di competizioni enorme – conclude il dirigente della Germani -. L’entusiasmo è qualcosa che ci piace cavalcare ma mai come ora dobbiamo stare con i piedi ben piantati per terra. Questo è il momento di stringere i denti. Quello che riusciremo a fare da qui alla fine della stagione dipenderà da molti fattori, a cominciare dal fatto che i nostri giocatori godano di buona salute. Non era facile ieri, non è facile oggi e non sarà facile domani: questo è un messaggio che va metabolizzato dalla nostra tifoseria, una delle più belle sorprese di questo campionato. Oggi abbiamo bisogno di ancora più calore, vogliamo che i nostri supporters diventino ancora più di impatto”.

“In questo momento deve essere molto forte in noi il senso di emergenza – afferma coach Andrea Diana -. C’è bisogno che ognuno di noi faccia un extrasforzo: i sei giocatori che hanno lavorato durante la settimana e i tre che questa settimana non si sono allenati. A me piace sempre pensare che la partita sia frutto del lavoro quotidiano che la squadra fa durante la settimana, ma questa volta è diverso. Sabato sera servirà un grande sforzo da parte di tutti, anche da parte del nostro pubblico, che ci può dare ancora più calore e spinta”.

“Brindisi è una squadra diversa rispetto a quella che abbiamo affrontato nella gara d’andata – prosegue il coach della Leonessa -. In quella circostanza non c’era Nic Moore, un giocatore che ha preso la leadership del gruppo e che durante le partite gestisce gran parte dei possessi della squadra. Assieme a Goss e Scott, Moore è uno dei terminali da tenere in considerazione, così come bisognerà fare molta attenzione agli isolamenti di M’Baye”.

“Mi aspetto da parte nostra una grande spinta emotiva, anche chi non è in perfette condizioni scalpita di poter aiutare la squadra – conclude Diana -. Quello che mi piace molto del mio gruppo è il grado di coinvolgimento: c’è grande attaccamento e grande ambizione, personale e di squadra, e questa è una chiave importante, che fa sì che i risultati che abbiamo raggiunto non siano un caso. Laganà? Lui è arrivato a Brescia per dare una mano al gruppo e alzare il livello qualitativo degli allenamenti. Sono sicuro che farà del suo meglio e che darà il suo contributo, anche se dovrà affrettare il suo inserimento in squadra”.

“Lottare in campo sarà senza dubbio la chiave della partita di sabato sera – spiega Christian Burns, ala statunitense della Germani -. Viviamo una situazione particolare ma abbiamo voglia di cogliere l’opportunità di creare un piccolo spazio tra noi e Brindisi e fare un passo in avanti nella battaglia per i playoff, che coinvolge tante squadre. Fisicamente non sono al 100%, da qui alla partita effettuerò dei nuovi test per verificare le mie condizioni. In ogni caso sabato sera sarò in campo per dare il mio contributo”.

“Questa è una stagione importante per noi, grazie anche all’eccellente sinergia con la società – spiega Renato Bonaglia, amministratore delegato di Amica Natura -. Con l’ ‘Operazione Moss’ abbiamo raggiunto il nostro target e contiamo di distribuire oltre 500 maglie del capitano della Leonessa. L’avventura di Rimini, inoltre, è andata molto bene (Amica Natura era uno degli sponsor presenti allo stand della Leonessa, ndr) da tutti i punti di vista, a partire dal coinvolgimento mediatico. Anche i tifosi hanno dato il loro contributo, mostrando anche in quella circostanza l’entusiasmo che vediamo in ogni partita al PalaGeorge”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive