Coach Diana: “Bravi a portare a casa una partita che si era messa male”

26 ottobre 2015

diana-ravenna

Brescia ritrova la vittoria contro Ravenna e conferma il suo secondo posto in classifica alle spalle di Treviso. Ecco le impressioni di coach Andrea Diana e del vice capitano Juan Fernandez nella sala stampa del San Filippo al termine del match.

“L’aspetto positivo di questa sera è senza dubbio essere riusciti a portare a casa la vittoria in una serata che si era messa oggettivamente male per noi – ha esordito coach Andrea Diana –: di questo possiamo essere contenti e da questo vogliamo ripartire. La cosa che mi dà maggior soddisfazione è la reazione che abbiamo avuto negli ultimi cinque minuti, dove abbiamo stretto le maglie difensive e siamo andati dove volevamo noi in attacco, aspetti che ci hanno permesso di raggiungere il successo finale. E’ altrettanto chiaro che per tre quarti e mezzo Ravenna è stata brava a metterci in difficoltà, ad abbassarci il ritmo e a non farci prendere sicurezza. Meriti sicuramente a loro, anche se noi ci portavamo dietro un po’ di tensione dalla gara con Roseto e il non aver trovato fiducia nelle prime battute della gara ci ha trasmesso un po’ di insicurezza, che ti porta a fare errori anche banali, perché la troppa voglia di riscatto a volte può portarti a fare giocate sbagliate dettate dalla fretta e dalla tensione. Per fortuna non abbiamo commesso questi passi falsi nel momento decisivo della gara, in cui anzi, come ho detto, abbiamo reagito alla grande e da questa reazione voglio ripartire con il lavoro settimanale martedì. Queste partite le puoi tranquillamente perdere e se Ravenna avesse vinto non avrebbe rubato nulla. Il nostro ritmo basso? Se giochiamo senza energia fatichiamo contro chiunque e stasera in tante giocate ci è mancata proprio questa energia, questo nostro usuale voler andare in contropiede e giocare il nostro basket. Preoccupato? Siamo una squadra che deve acquisire forza mentale e consapevolezza delle proprie capacità e che deve riuscire a trovare subito la chiave delle partite: quando pensiamo troppo facciamo fatica, se torniamo a essere quelli che vanno a mille e con il nostro ritmo possiamo altresì mettere in difficoltà qualsiasi squadra”.

“La gara di stasera non è stata più difficile del previsto – ha sottolineato Juan Fernandez – perchè tutte le gare saranno così, difficili e tirate fino alla fine. La cosa positiva è che siamo riusciti a conquistare una vittoria importante e per questo vado a casa contento. Sappiamo che ci sono alcune cose da migliorare ma stiamo lavorando duramente tutta la settimana per conoscerci meglio e accelerare questo processo di crescita. Il contributo della vecchia guardia? Sicuramente nel momento più delicato della gara ci siamo affidati alle situazioni che conosciamo meglio, dai pick&roll tra me e il Citta alle penetrazioni di Franko, ma penso sia normale in un inizio di stagione con tanti giocatori nuovi. Ora pensiamo a Chieti, sapendo che ogni gara sarà molto impegnativa e che dovremo dare il massimo per conquistare ogni vittoria”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive