Coach Diana: “Giocato con attenzione e disciplina” Mirza: “Bravi a restare uniti”

5 ottobre 2015

Diana

 

Primi due punti in cantiere per la Leonessa, che sconfigge Legnano a domicilio 82-73 al termine di una partita comunque non facile e a tratti parecchio insidiosa. Queste le sensazioni di coach Andrea Diana e Mirza Alibegovic a fine gara.

 

“Innanzitutto vorrei fare i complimenti al pubblico e all’ambiente di Legnano: abbiamo giocato in un bellissimo palazzetto, con un pubblico molto caloroso ma sempre corretto. Venendo al match, ci tengo a sottolineare che la prima partita di campionato non è mai facile, innanzitutto perché ti trovi davanti a un ambiente diverso rispetto alle amichevoli e per questo anche l’emozione ti può giocare brutti scherzi, soprattutto quando magari il pubblico di casa riapre una partita che sembrava chiusa. Credo che i miei abbiano giocato una buona pallacanestro nei primi due quarti, poi nel terzo Legnano ha alzato il ritmo rientrando in gara, ma nel momento di difficoltà non ci siamo disuniti e anzi abbiamo trovato conclusioni di squadra, abbiamo mosso la palla e abbiamo trovato tiri aperti. Sono quindi soddisfatto della prestazione della squadra e soprattutto della disciplina con cui abbiamo giocato. I falli? Chiaramente qualcuno deve adattarsi al metro arbitrale, ma sicuramente i miei impareranno presto dagli errori commessi stasera. La panchina? So che tutti e dieci i miei ragazzi possono darmi qualcosa, come hanno dimostrato stasera quando abbiamo fatto break importanti in due occasioni con i giocatori che non facevano parte del quintetto. Margini di miglioramento? E’ ovvio, nessuna squadra è pronta alla prima di campionato. Partita dopo partita vogliamo dimostrare di poter fare sempre meglio, a partire da domenica prossima con l’esordio in casa”.

 

“Sono contento per questa prima vittoria – le parole di Mirza – e per la mia prestazione. Come mi ha detto Marco Passera a fine gara, sono riuscito ad aspettare la partita nel secondo tempo, perchè all’inizio ero un po’ teso, un po’ nervoso per l’esordio, per giunta da titolare. Nel secondo tempo le cose sono andate meglio per me, anche se i primi minuti del terzo periodo abbiamo concesso a Legnano di tornare in partita. Poi però quando ci siamo ritrovati abbiamo nuovamente allungato e abbiamo conquistato una vittoria meritata. Cosa non ha funzionato nel terzo quarto? Forse non ci aspettavamo un loro inizio così forte, ma anche noi dobbiamo capire che quando rientri in campo sopra di 15 non puoi rallentare, devi spingere al massimo per andare sopra di 25 e a quel punto sì puoi controllare il match”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive