Max&Matteo: “La vittoria del gruppo”. Loschi: “Un cuore grande così”

29 dicembre 2014

BBL vs MantovaLa sala stampa del Pala San Filippo assiste ancora una volta a un post gara all’insegna della gioia e dei sorrisi. Anche Barcellona paga dazio in casa della Leonessa e la “Diana band” può festeggiare la qualificazione alla Final Six di Coppa Italia con un turno di anticipo. Proprio coach Diana ha voluto lasciare la parola ai suoi assistenti Max Giannoni e Matteo Cotelli, in segno di riconoscenza per lo straordinario lavoro “dietro le quinte” delllo staff tecnico (con menzione particolare per Massimo Di Giovanni).

“Voglio solo fare i complimenti a Barcellona perchè è venuta da noi a giocare una grande partita non mollando mai, anche quando era sotto di 12 punti – ha sottolineato Diana -. Credo che anche il punteggio sia bugiardo, perchè si poteva arrivare tranquillamente a fine match punto a punto. Sono stati molto bravi ad abbassarci il ritmo e noi abbiamo avuto qualche difficoltà. Vogliamo dedicare la vittoria di questa sera e la qualificazione alla Coppa Italia alla nostra Presidente Graziella Bragaglio e a suo marito Matteo Bonetti, perchè sappiamo che senza la loro smisurata passione e il loro entusiasmo tutto ciò non sarebbe possibile. Si chiude un anno per me incredibile: dalla nascita di mio figlio Federico alla promozione ad head coach, dalla creazione di una squadra incredible ai fantastici risultati di questa prima parte di stagione, che non fanno altro che ripagarci dello sforzo e del lavoro che facciamo tutti quotidianamente. Buon anno a tutti!”.

“Sapevamo che non sarebbe stata una gara facile, perchè Barcellona era in buon momento di forma – ha dichiarato Giannoni – e l’ha dimostrato anche stasera. Sapevamo che giocatori come Shepherd e Da Ros ci avrebbero messo in difficoltà e che avremmo dovuto fare un certo tipo di partita per portare a casa la vittoria. Senza dimenticare che questa era la terza partita che affrontavamo senza Roberto Nelson, giocatore di grande importanza per il nostro equilibrio. Ma ancora una volta abbiamo dimostrato di quanto questo gruppo sia forte e coeso e di quanto riesca a trovare ogni volta protagonisti diversi: mandare sei giocatori in doppia cifra è davvero una cosa da grande squadra. Brownlee? Non guardiamo solo i punti in un tabellino, guardiamo i 12 rimbalzi, i 5 assist, la difesa su Da Ros e Garri. Per noi ha giocato una partita molto positiva, i punti torneranno”.

“Siamo molto contenti di aver chiuso alla grande l’anno – ha aggiunto Matteo Cotelli -: è stata una partita difficile, perchè pensavamo di averla chiusa a un certo punto, invece Barcellona è stata bravissima a rientrare e andare addirittura in vantaggio. Il momento decisivo? Sicuramente il parziale all’inizio del quarto periodo: lì la squadra era in grande ritmo e anche cambiando a un certo punto due elementi del quintetto non ci ha tolto l’inerzia della partita e ci ha dato anzi nuova linfa per spingere sull’acceleratore verso la vittoria”.

Anche il capitano Federico Loschi ha fatto gli onori di casa in sala stampa: “Barcellona è davvero una bella squadra, con due ottimi americani e un bel gruppo di italiani. Ma noi ancora una volta siamo scesi in campo con grande determinazione e voglia di vincere davanti al nostro fantastico pubblico. In doppia cifra in sei? Difficile trovare aggettivi per la nostra squadra: oggi abbiamo giocato una grande pallacanestro secondo me, soprattutto nella seconda parte del match. Siamo secondi in classifica e ci stiamo divertendo: cosa volere di più? Il cuore di questa squadra è senza fine: oggi io e Mirza non eravamo al top, ma abbiamo stretto i denti perchè volevamo conquistare insieme ai nostri compagni un’altra vittoria importante”.

D.A.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive