Napoli-Brescia, l’angolo tecnico di Matteo Cotelli

21 dicembre 2014

15841258860_02911ab3ec_b
Quali sono i punti forti e i punti deboli di Napoli?

Il principale punto di forza della formazione partenopea è sicuramente l’asse play-pivot formato da due grandi giocatori come Jarrius Jackson e David Brkic (sempre che il primo dei due decida di scendere in campo questa sera). Si tratta di due giocatori bidimensionali, in grado di far male sia nei pressi del canestro che dall’arco dei tre punti. Il punto debole può sicuramente riguardare le rotazioni, visto che in caso di assenza di Jarrius Jackson, dovranno giocare in 7. In ogni caso hanno un roster molto esperto, in grado di sopperire ad eventuali assenze, anche pesanti.

Giocatore chiave di Napoli? 
Se gioca, l’uomo chiave è sicuramente Jarrius Jackson, in grado di segnare con continuità e di alzare di molto il livello del gioco di tutta la squadra. Menzione anche per David Brkic, che di fronte alla sua ex squadra ci terrà a far bene.

Su cosa si basa il gioco di Napoli? 
Hanno una forte dimensione perimetrale, si affidano molto al tiro da tre punti. La loro arma principale è però il pick ’n roll sull’asse Jackson-Brkic, che crea tanti vantaggi ai giocatori citati e al resto della squadra.

La chiave del match? 
Le chiavi della partita saranno sicuramente mettere tanta aggressività sulla palla ed essere presenti a rimbalzo sia difensivo che offensivo, fondamentale nel quale abbiamo peccato la scorsa domenica vista l’assenza di Brownlee, che con Napoli potrà però darci una grande mano.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive