Brescia, la decima vittoria sfuma sul più bello: al PalaGeorge passa la Dinamo

9 dicembre 2017

Tocca al Banco di Sardegna Sassari conquistare la palma di prima squadra a sconfiggere la Germani Basket Brescia. Al PalaGeorge di Montichiari, infatti, il quintetto sardo infligge il primo stop a quello bresciano, superato di un soffio con il punteggio di 78-79. A decidere il match un tiro libero di Bamforth a meno di 4″ dalla sirena finale, che sancisce il primo dispiacere per i tifosi di una Leonessa rimasta comunque in partita per tutta la gara. Anzi, con una gestione più oculata degli ultimi possessi Brescia avrebbe potuto mettere le mani sulla decima vittoria stagionale, sfuggita al termine di una volata finale all’insegna dell’equilibrio. Applausi alla Dinamo, dunque, mentre alla Germani non bastano i 17 punti di Hunt, i 13 di Michele Vitali, gli 11 di Landry e i 10 (+ 7 assist) di Luca Vitali per evitare la sconfitta, che arriva a pochi giorni dalla Giornata Biancoblu, che domenica prossima sarà celebrata contro i campioni d’Italia dell’Umana Reyer Venezia in occasione dell’ultima partita casalinga di un 2017 che sarà comunque ricordato a lungo da tutti i tifosi bresciani.

LA PARTITA – Nell’anticipo della 10/ma giornata di campionato a partire forte è Sassari, che noncurante dell’incessante tifo del pubblico bresciano, capace di riempire il PalaGeorge in ogni ordine di posti, dà una prima spallata al match in avvio, cavalcando Jones (9 punti con il 100% al tiro) sotto canestro e portandosi avanti 15-7 dopo 4′. La Germani pasticcia in attacco e fa fatica contro la zona degli isolani, che trovano il +11 al 6′ ma sono costretti a incassare la prima reazione dei padroni di casa, che con Landry (grande schiacciata) trova le giocate per chiudere il primo quarto sul 18-21, un vero affare. In avvio di secondo periodo la Dinamo continua a trovare grandi cose da Jones, ma Hunt inizia a fare la voce grossa e rimette il match in equilibrio, firmando il primo vantaggio dei lombardi sul 34-32. Sassari reagisce e la gara va avanti con continui sorpassi e controsorpassi e l’intervallo lungo arriva sul 41-43 per gli ospiti.

Il momento migliore della capolista arriva nel terzo quarto, chiuso con un parziale di 21-14. Brescia cavalca Hunt e Michele Vitali e non paga dazio ai falli di Moss, che arriva presto a quota 4. Al 30′ la Germani è avanti di 5 lunghezze (62-57), poi in apertura dell’ultimo periodo arriva addirittura al +11 (68-57) con le triple a segno di Luca Vitali e Bushati. Jones commette il quinto fallo ma Sassari non si scompone, piazzando un controparziale che riapre la gara. Sul 76-70 per Brescia la gara vive un episodio chiave: Moss commette il quinto fallo, protesta e spinge gli arbitri a fischiare un fallo tecnico, che alla Leonessa costa 6 punti. E così sul 76-76 la partita si decide ai possessi: i liberi di Pierre portano avanti il Banco, Luca Vitali pareggia la gara a 19″ dalla sirena finale ma l’ultimo acuto è di Bamforth, che a 4″ dalla fine trova il fallo della difesa avversaria e segna il libero della vittoria, che frena sul più bello il sogno della Germani di conquistare la decima vittoria consecutiva. Uno stop che brucia per come è arrivato, ma che nulla toglie a quanto realizzato fino a oggi dal quintetto di Andrea Diana, che dovrà rimboccarsi le maniche per riprendere la propria corsa sin dalla stimolante e affascinante gara di domenica prossima contro i campioni d’Italia di Venezia.

ANDREA DIANA – “La sconfitta ci lascia amareggiati, soprattutto per come è arrivata. Sapevamo che Sassari sarebbe partita forte e avremmo dovuto avere un approccio più duro. Dopo lo sforzo per recuperare ci siamo compattati e abbiamo eseguito il nostro piano partita, andando a prendere un vantaggio meritato, costruito con una difesa dura. Nel finale però abbiamo pagato dazio sugli ultimi possessi, dove non abbiamo fatto una buon esecuzione a livello offensivo, abbassando le nostre percentuali. Complimenti comunque a Sassari, che si è fatta trovare pronta sui possessi decisivi. Restiamo convinti del lavoro che stiamo facendo, anche se stasera siamo stati meno precisi rispetto ad altre partite, non sfruttando in pieno la nostra capacità di muovere il pallone in attacco. Il tecnico a Moss? È un errore grave, che sicuramente ci ha condizionato. L’ultimo possesso? Mi fido della nostra difesa, ero convinto che loro potessero non segnare ma alla fine sono stati bravi a prendere il fallo dentro l’area”.

GERMANI BASKET BRESCIA-BANCO DI SARDEGNA SASSARI 78-79 (18-21, 41-43, 62-57)
Germani Basket Brescia: Moore 7 (2/4, 1/2), Hunt 17 (6/10), L. Vitali 10 (2/3, 2/7), Landry 11 (2/9, 2/6), Dalla Longa ne, Veronesi ne, Fall ne, M. Vitali 13 (2/6, 2/4), Moss 7 (2/3, 1/2), Sacchetti 8 (0/3, 2/2), Bushati 5 (1/1, 1/2). All: Diana
Banco di Sardegna Sassari: Spissu 3 (1/2 da tre), Bamforth 21 (3/6, 3/6), Planinic 5 (2/2), Devecchi (0/1, 0/1), Randolph 2 (1/2, 0/1), Pierre 4 (1/2, 0/2), Jones 15 (7/10), Stipcevic, Hatcher 19 (2/5, 5/7), Polonara 10 (2/5, 5/7), Picarelli ne, Tavernari ne. All: Pasquini
Arbitri: Paternicò, Vicino e Perciavalle
Note: Tiri da 2: Brescia 17/39 (44%), Sassari 17/31 (55%) – Tiri da 3: Brescia 11/25 (44%), Sassari 11/25 (44%) – Tiri liberi: Brescia 11/16 (69%), Sassari 12/15 (80%) – Rimbalzi: Brescia 30 (21 RD, 9 RO), Sassari 35 (27 RD, 8 RO)

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive