Un canestro per l’autismo: sui campi di Serie A scocca l’ora del Basket Blue Day

24 marzo 2017

Il 26 e il 27 marzo scocca l’ora del ‘Basket Blue Day, un canestro per l’autismo’, un evento promosso da diverse associazioni che si occupano di autismo, sostenuto dalla Lega Basket e animato dalle tifoserie e dalle squadre che ospiteranno gli incontri casalinghi in suddetta data. Nei palazzetti di Brindisi, Pistoia, Caserta, Cremona, Torino, Trento, Varese e al PalaBigi di Reggio Emilia – location nella quale si disputerà la sfida tra la Grissin Bon e la Germani Basket Brescia -, i giocatori e gli arbitri scenderanno in campo indossando un braccialetto commemorativo di colore blu, tinta enigmatica che accende la speranza e la sete di conoscenza.

Il Basket Blue Day anticipa la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo (2 aprile), incoraggiata dalle Nazioni Unite allo scopo di enfatizzare il diritto delle persone affette da autismo, come da ogni altra forma di disabilità, alla piena e attiva partecipazione alla vita sociale, politica e culturale, a godere di eguali opportunità in ambito educativo e lavorativo e all’accesso all’informazione.

Molto si sta facendo per l’autismo, anche grazie ad approcci che fanno leva sulla dimensione umana e sociale. In particolare, lo Sport assume una rilevanza fondamentale, essendo un formidabile strumento di promozione dell’interazione umana, della solidarietà e dell’accoglienza: i valori dello sport sono il completamento della vita quotidiana di ogni persona che desideri mettersi in gioco.

Parole come amicizia, azione, passione, gruppo, sacrificio, gioco, divertimento, condivisione, partecipazione, squadra, rispetto (delle regole, di se stessi e degli altri) fanno parte integrante del vivere sportivo, ma anche della quotidianità di ciascuno di noi. Tra tutti gli sport, il Basket è l’unico sport che tende al cielo, l’unico sport in cui tutta la squadra attacca e difende.

Passarsi il pallone è una forma intuitiva ed efficace di comunicazione non verbale, fare canestro per la propria squadra è il raggiungimento di un obiettivo comune: sono elementi in grado di innescare i meccanismi necessari ad accrescere la fiducia in se stessi e negli altri, a migliorare l’autostima, l’autonomia, le potenzialità di ciascuno messe al servizio del gruppo, il coraggio nell’affrontare situazioni nuove, la capacità di confrontarsi con gli altri senza inibizioni, favorendo un clima di amicizia e rispetto reciproco e valorizzando le differenze individuali.

Buon Basket Blue Day a tutti!

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive