Coach Diana: “Una battaglia da vivere intensamente con i nostri tifosi”

12 marzo 2016

Il percorso di avvicinamento alla decima giornata di ritorno, che vedrà la Centrale del Latte-Amica Natura Brescia scendere in campo domani al Pala San Filippo contro l’Alma Trieste (palla a due alle 18), ha vissuto ieri il momento della tradizionale conferenza stampa del venerdì. Padrone di casa AiFOS, partner della Leonessa, da sempre molto attento alla crescita del settore giovanile.

“E’ un piacere per noi ospitarvi e trasmettervi il nostro supporto a tutte quelle che sono le vostre attività sportive – ha esordito Francesco Naviglio, Segretario Generale di AiFOS -. Sappiamo che le cose per la prima squadra non stanno andando al meglio, ma è proprio in questi momenti difficili che bisogna fare gruppo e ritrovare gli stimoli per riprendere il cammino: quindi facciamo un grande in bocca al lupo per la gara di domenica. Siamo al tempo stesso molto contenti che i giovani leoni stiano andando forte: proprio a questi ragazzi, e ai loro coetanei impegnati in altri sport, dedicheremo una giornata di formazione e divertimento che abbiamo voluto chiamare “Il terzo tempo della sicurezza“, in programma il 28 maggio, in cui dovranno cimentarsi con varie discipline sportive e riceveranno alcune istruzioni importanti su primo soccorso e antincendio. Questo per dare seguito al nostro percorso di formazione sulla sicurezza dei giovani, che ormai da un paio d’anni abbiamo intrapreso anche con la vostra Società. Ovviamente siete tutti invitati!”.

“Per noi è una grandissima soddisfazione poter contare sull’appoggio di aziende come AiFOS – le parole di Graziella Bragaglio, Presidente della Leonessa -, vicina al mondo dello sport e attenta alla crescita dei nostri giovani. Il supporto di cui parlava Francesco mi piace definirlo attivo, perché si percepisce nelle numerose iniziative che l’azienda organizza per i nostri ragazzi, come abbiamo visto anche a inizio stagione con la prima edizione del Torneo AiFOS Service o con questa giornata in programma il 28 maggio. Una partnership molto importante, a cui teniamo molto, perché ci permette di far capire ai nostri giovani che la vita va affrontata con la massima attenzione e all’insegna della sicurezza, fuori e dentro il campo”.

“Ci tengo personalmente a ringraziare AiFOS per il sostegno al nostro settore giovanile, il cui sviluppo è fondamentale per una Società ambiziosa come la nostra – il commento di Matteo Bonetti, Patron della Leonessa -. Con l’arrivo di Gustavo Fernandez abbiamo dato un segnale in questa direzione e siamo contenti che tantissime nostre squadre stiano facendo campionati di vertice. Questo anche per merito dei nostri fantastici allenatori e responsabili, che ringrazio, perchè fanno sacrifici importanti ogni giorno dovendo correre da una palestra all’altra per presenziare a tutti gli allenamenti. Venendo alla prima squadra, domenica vivremo una giornata importante in campo ma anche fuori: consegneremo infatti il ricavato dell’iniziativa ‘Basket Brescia Leonessa for Africa‘ al dott. Enrico Madini e alle dott.sse Annunziata Izzo e Antonella Bertolotti, ci saranno esposte alcune immagini dello stesso dott. Madini e saranno con noi anche le Associazioni ‘La Zebra Onlus’ e ‘Bimbo Chiama Bimbo Onlus’. Insomma una domenica da non perdere e da vivere intensamente al San Filippo”.

“Entriamo nella fase calda del campionato, quella decisiva, che determina con che posizione affronterai i playoff – ha sottolineato coach Andrea Diana -: per questo ogni partita va affrontata con la massima attenzione e concentrazione. Incontriamo Trieste, una squadra in forma perché ha vinto cinque delle ultime sei partite e perché è cresciuta molto durante il campionato, soprattutto per quanto riguarda il coinvolgimento offensivo di alcuni giocatori come Parks, senza dimenticare l’innesto di Roberto Nelson, nostro ex giocatore. Trieste la conosciamo bene: tra i playoff dell’anno scorso e la partita d’andata abbiamo visto che è una squadra che gioca con grande intensità e aggressività, ma anche noi vogliamo scendere in campo carichi e determinati, con la voglia di fare una grande partita”.

“Trieste è forse l’avversario peggiore in questo momento – il commento di Franko Bushati -, ma è chiaro che dobbiamo prima di tutto pensare a noi stessi. Dobbiamo ritrovarci e pensare magari proprio alla partita d’andata, dove abbiamo vinto nonostante assenze importanti. La differenza sta solo nella testa: in quel periodo non avevamo paura di nessuno, mentre adesso siamo forse un po’ insicuri e appena prendiamo un parziale ci abbattiamo. Dobbiamo invertire questa tendenza e ritrovare lo spirito già mostrato secondo me contro Imola: in quella partita non saremo stati belli da vedere, ma abbiamo voluto fortemente la vittoria e l’abbiamo conquistata. Il pubblico? Anche in questo caso dipende tutto da noi: se saremo bravi a trascinarlo sono certo che sarà subito dalla nostra parte e ci resterà vicino tutta la partita”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive