Coach Diana: “Due punti d’oro, un plauso a tutti i miei ragazzi”

30 novembre 2015

diana

Dimenticate gara 3 e gara 4 degli scorsi playoff: la Leonessa torna a espugnare il PalaRubini di Trieste e continua la sua marcia in testa alla classifica di Serie A2 Est. Ecco le impressioni di coach Andrea Diana e del “match winner” Juan Fernandez al termine dell’incontro.

“Voglio fare un plauso a tutti i miei ragazzi – ha commentato il coach – perchè non era facile venire a disputare una prestazione di questo tipo, su un campo del genere e dopo la settimana che abbiamo passato. Tutti hanno dato il 110% e sono veramente orgoglioso dell’atteggiamento che hanno avuto. Ripeto, vincere qua contro una squadra che ruota dieci uomini, con noi in sette, e farlo a punteggio alto e con un pubblico sempre caldo, vi fa capire che questi siano davvero due punti d’oro. Qua aveva vinto solo Verona e anche per questo credo sia una vittoria che fortifica lo spirito e aiuti il gruppo a compattarsi ulteriormente, perchè quando abbiamo dovuto fare i conti con qualche problema di fallo o con la stanchezza ci siamo uniti e abbiamo dato un segnale di grande forza interiore. Le chiavi di volta? Secondo me due: la difesa a zona, con cui abbiamo sicuramente rallentato il loro ritmo, e la nostra aggressività sui pick&roll tra Pecile e i loro lunghi. Ora aspettiamo Mantova: inutile dire che sarà una grande emozione per tutti il ritorno di Martelossi a Brescia, ma superata quella penseremo ovviamente a portare a casa un’altra vittoria”.

juan

“Non so se sono stato MVP della partita o meno – le parole di Juan Fernandez -, la cosa più importante oggi era fare una bella partita e cercare di portare a casa una vittoria. Eravamo senza due giocatori importanti per noi, con Totè che rientrava dopo un mese di assenza. Per questo credo siano due punti fondamentali: abbiamo messo in campo, come ha detto il coach, una grande determinazione e una grande forza di volontà, rispondendo con il cuore e la grinta ai momenti di difficoltà. Le vittorie di novembre? Siamo contenti, ma non cambierei nulla del nostro ruolino di marcia, perchè anche le sconfitte fanno parte di un processo di crescita della squadra. Il mio canestro? In quei momenti mi piace prendermi quella responsabilità, cercando la migliore opzione per la squadra, senza troppa paura o apprensione. Poi sono contento ovviamente quando, come stasera, tutto va per il verso giusto”.

Davide Antonioli

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive