Angolo tecnico: Chieti – Brescia

30 ottobre 2015

GiannoniRavenna

La squadra di Chieti che domani andiamo ad affrontare ha un ruolino di marcia di 2 vittorie e 2 sconfitte;il fatto che le 2 vittorie,all’esordio contro Jesi,e poi contro Ferrara siano avvenute proprio sul parquet del Tricalle deve sicuramente farci drizzare le antenne ed alzare il livello di attenzione.

Il quintetto biancorosso presenta in posizione di #1 Monaldi,giovane playmaker classe 93 ma con già diversi anni di esperienza in questo Campionato sulle spalle,grande agonista,molto bravo ad attaccare il ferro dal palleggio sia per creare per sé(16.5 pti di media) che per coinvolgere i compagni(3.8 Assist a partita).Accanto a lui,da 2 giornate a sostituire l’infortunato Abbott,è arrivato il nazionale bulgaro Lilov,esterno con grande abilità nel tiro da fuori(19 pti di media con il 60% da 3pti),che aveva svolto tutta la preparazione con Reggio Emilia ed ha dimostrato di essersi già ambientato nella nostra Lega,e da #3 Sergio,già incontrato 2 anni fa con la maglia di Forlì,giocatore mancino,solido e più che discreto tiratore da 3pti.

Sotto le plance l’esperienza ed il talento di Allegretti,lo scorso anno a Napoli,e l’esuberanza atletica di Armwood,giocatore molto dinamico che scende dalla serie A di Trento,capace di aggiungere ai 14 pti anche 7.8 rimbalzi,di cui quasi 2 in attacco.

Dalla panchina il playmaker Piazza,ed i giovani Piccoli,esterno tiratore di Varese,e Vedovato,lungo titolare della nazionale U20,arrivato in prestito da Treviso,entrambi classe 95’.

Squadra arrembante,che fa dell’esuberanza atletica la propria arma migliore,e che specialmente in casa riesce a giocare una pallacanestro particolarmente aggressiva,quello sul campo teatino sarà sicuramente un banco di prova interessante,dove dovremo cercare di non ripetere gli errori commessi nella trasferta rosetana se vogliamo uscire con il “foglio rosa” nelle nostre mani.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive