Coach Diana: “Chieti banco di prova importante per verificare i nostri progressi”

29 ottobre 2015

151028Conf

Vigilia di quinta giornata per la Centrale del Latte-Amica Natura Brescia, che domani sera sarà impegnata al PalaTricalle contro la Proger Chieti, con palla a due alle 20.30. Ieri sera, nella sala stampa del Pala San Filippo, coach Andrea Diana e Mirza Alibegovic hanno fatto il punto della situazione a 48 ore dalla sfida in terra abruzzese.

“Quella di venerdì sera sarà una trasferta molto ostica – ha esordito coach Diana – perchè Chieti davanti al proprio pubblico riesce a fornire prestazioni di grande energia e confidenza. Ma al tempo stesso sarà un banco di prova estremamente importante per noi, perché vogliamo approcciarci alla gara in maniera assolutamente diversa da quanto fatto a Roseto. Sarà inoltre un match che ci servirà per capire se siamo in grado di fare passi in avanti sia per quanto riguarda il nostro livello di concentrazione, che spesso non siamo in grado di mantenere alto per tutta la durata della partita, sia per quanto riguarda il nostro gioco e la nostra mentalità di squadra. Abbiamo il miglior attacco del campionato? Io dico solo che vedo una squadra con ampi margini di miglioramento, soprattutto per quel che concerne il coinvolgimento collettivo. Il fatto di segnare molto dipende dal fatto che abbiamo giocatori di talento, ma sappiamo che la qualità del nostro gioco deve crescere, soprattutto a livello di equilibrio, perchè questo ti porta ad avere un atteggiamento difensivo importante ed è quello su cui stiamo lavorando”.

“Come ha detto il coach, sappiamo che domani sera ci aspetta una squadra che fa dell’energia davanti al proprio pubblico una delle sue armi principali – ha sottolineato Mirza Alibegovic -, senza dimenticare, però, l’aspetto tecnico: da Monaldi e Armwood fino a Lilov, Chieti dispone di giocatori molto validi e soprattutto molto pericolosi nel tiro dalla lunga distanza e a questo aspetto dovremo fare molta attenzione. Noi vogliamo migliorare e dimostrare che anche in trasferta possiamo dire la nostra e non solo davanti al nostro pubblico. Chi è il leader di questa squadra? Io dico che ne abbiamo tanti, perchè ogni partita può emergere un protagonista diverso che trascina gli altri a una rimonta o al consolidamento di una vittoria, come abbiamo fatto vedere in occasione delle tre vittorie che abbiamo conquistato”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive