Bresciaoggi – PalaEib, le polemiche e l’ombra del ricorso

27 maggio 2015

Scontro aperto nella commissione Urbanistica presieduta da Aldo Boifava, dove ieri è stata votata a maggioranza la modifica della convenzione per il palazzetto Eib. Le critiche, con toni accesi, sono arrivate soprattutto dai consiglieri della Lega e dall’ex assessore forzista Paola Vilardi, che non hanno partecipato al voto per protesta, ma anche da X Brescia. Il passaggio in aula è previsto il 5 giugno. Il capogruppo del Carroccio Nicola Gallizioli ha chiesto a Carlo Massoletti, presidente uscente di Immobiliare Fiera, delucidazioni sulla capacità di sostenere l’opera, in relazione alle difficoltà finanziarie della società. Massoletti ha assicurato che l’Immobiliare ha già sul conto oltre 6 milioni per i lavori di ristrutturazione del palazzetto (a cui si aggiungeranno i 700mila messi dal Comune) e che è sana. Le perdite di 4,1 milioni – ha spiegato – sono da ricondurre per 2,1 milioni al pagamento dell’Inni: «Dopo un nuovo accatastamento, l’Agenzia del territorio ci ha accomunato ad un centro commerciale chiedendoci le tasse arretrate di un quinquennio. Sulla vicenda la Commissione tributaria nel ricorso contro l’Ammi- nistrazione ci ha già dato ragione in primo grado, aspettiamo il secondo». Gli altri 2 milioni sono attribuibili per un milione ad ammortamenti (dell’immobile, che dovrebbe essere venduto) e per il resto ad interessi, manutenzione immobili, personale. Vilardi ha invece chiesto di attendere la pronuncia del giudice, che a giorni dovrà decidere sul ricorso presentato da Unieco contro l’assegnazione dei lavori alla ditta Coghi, che ha vinto l’appalto insieme al progettista Eliseo Papa (presente ieri per illustrare il progetto) offrendo uno sconto del 25%. «Un’offerta anomala dopo la quale la stazione appaltante, l’Immobiliare, avrebbe dovuto chiedere chiarimenti», ha accusato l’ex assessore insinuando tra le righe che il vincitore fosse già stabilito prima della gara (comunque facoltativa, trattandosi di un ente di diritto provato) e ricordando che «è lo stesso che firmò il progetto del velodromo di Montichiari, operazione nella quale i costi alla fine lievitarono esponenzialmente». «L’ingegner Papa – ha replicato Massoletti – ha spiegato le ragioni del ribasso. Le altre ditte partecipanti» (tre, una è stata subito escluda) «prevedono di rifare in toto la copertura, questa no». E del resto il progetto vincitore (8,2 milioni di cui 1,4 di valutazione dell’esistente e 6,7 di ristrutturazione) è l’unico che può davvero essere realizzato. Il presidente dell’Immobiliare ha spiegato ieri di non temere l’esito del ricorso, «strumentale» di Unieco, a maggior ragione dopo la validazione del progetto da parte di la validazione da parte di Italsocotec, società milanese di controllo tecnico di servizi. Per di più, con l’azione legale è stato chiesto di sospendere l’assegnazione dei lavori a Coghi, assegnazione che nei fatti c’è già stata. «In tutti i casi – ha detto – noi non saremmo in grado, come abbiamo deliberato anche in Cda, di firmare con Unieco: quel progetto vale 8,7 milioni, che noi non abbiamo». Fuoco incrociato anche sull’assessore all’Urbanistica Michela Tiboni dopo l’illustrazione della convenzione. In particolare, i leghisti Gallizioli e Massimo Tacconi, con Vilardi si sono scagliati contro la previsione di trasformare lO mila metri quadri da terziario a commerciale in aggiunta ai 4mila già previsti. L’assessore Tiboni ha precisato che non sarà ammessa la grande distribuzione (superficie di vendita fino al massimo di 2.500 metri quadrati). Tuttavia i consiglieri del centrodestra hanno parlato di un «regalo» all’ Immobliare e ad Expo Sviluppo, la società controllata da Draco e Lonati che pure è parte in causa nella convenzione. Sotto la precedente Amministrazione doveva realizzare in quegli spazi Outlet del design. «Ora non si capisce cosa ci si farà, con questo commerciale. Possiamo anche condividere la sostanza – ha sbottato Vilardi -. Ma vogliamo trasparenza». “

Natalia Danesi

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive