Bresciaoggi – Centrale» si alza il livello: scatta la corsa alla finale

17 maggio 2015

E’ arrivato il momento della verità: al San Filippo arriva la Pms Torino (diretta skysport 3, contesa alle 18) e cominciano per la Centrale del Latte Brescia le semifinali playoff. A quattro giorni dalla qualificazione di gara 5 contro Trieste, è dunque già tempo di tornare in campo contro una squadra che, oltre ad essere la maggior indiziata al passaggio in serie A, ha avuto modo di riposare. I gialloblù dell’ex Lorenzo Gergati hanno infatti eliminato ai quarti Ferentino in 3 gare; questo aspetto però sembra non preoccupare coach Andrea Diana, che si aspetta dai suoi un’altra prestazione sulla falsariga di gara5 dei quarti: «Veniamo da una ottima partita, la nostra migliore partita della serie, a dimostrazione che la squadra è cresciuta ed ha utilizzato l’esperienza delle prime 4 partite per mettere in campo tutto quello che aveva nella partita decisiva. Essere arrivati a gara 5 ed averla vinta così è stato per noi importante». Certo però la freschezza di Torino potrebbe essere un’arma in più oggi pomeriggio: «Chiudere la serie in gara 3 sarebbe stato meglio a livello fisico, ma non avendo molti dei miei giocatori un’esperienza specifica, ci servirà di più in questa serie quello che abbiamo imparato contro Trieste». In campionato una vittoria interna ed una sconfitta fuori casa: «Torino non è la squadra che abbiamo affrontato. Mancinelli, a lungo out per infortunio, è in forma (rientrato a campionato in corso), e Ian Miller non era ancora uno dei loro giocatori, dopo che ha preso il posto di Davion Berry. E’ un mix di giocatori di grande esperienza e qualità: quello che era mancato in campionato adesso lo si vede in campo, nelle partite che contano adesso Torino può far leva su quella continuità che le era mancata in stagione regolare». E come si affronta una squadra di questo genere? «Dovremo essere bravi ad aggredirli dall’inizio alla fine. L’approccio alla partita sarà importantissimo, così come lo è stato mercoledì sera». Impegno comunque probante, e per nulla facile: «Torino è stata costruita per vincere il campionato, a differenza di altre ha faticato a trovare la chimica. Noi comunque ce la giocheremo alla pari: ne sono convinto. Molto conterà l’ambiente, ci aspettiamo che la carica dei tifosi possa aiutarci». Lewis, Mancinelli, Fantoni: Torino ha dalla sua un pacchetto lunghi da urlo: «E’ una squadra fisica dotata di tanta esperienza che le permetterà di poter sfruttare qualche mossa in più dei nostri. Noi però – sottolinea il coach della Centrale del Latte possiamo metterci faccia tosta, energia e spregiudicatezza: saranno partite che giocheremo a viso aperto da impostare su ritmi, in cui non dovremo mollare mai». E Brescia dovrà dimostrare di aver imparato la lezione dei quarti e della partita di ritorno con Torino. «Non potremo essere distratti: se molli un attimo la presa, Torino rischia di prendere il sopravvento. Siamo alle semifinali, il livello irrimediabilmente si alza e noi abbiamo l’obbligo di ripartire dalla partita con Trieste». E il San Filippo va verso un nuovo sold out, visti i 200 i tifosi attesi da Torino, con un pullman offerto dalla società:: «Siamo alla fase conclusiva del nostro giro d’Italia – conclude con una metafora coach Diana -: siamo alla prima tappa con le Alpi e ci aspetta un’impresa epica».»

Alberto Banzola

Barolo Ospite d’onore

Sarà un pomeriggio di emozioni forti al San Filippo: prima della contesa che aprirà le semifinali, Brescia riabbraccerà uno dei suoi giocatori più amati degli ultimi anni, il greco Nikos Barlos, che anche quest’anno ha deciso di tornare per qualche giorno a Brescia e seguire da vicino la sua ex squadra. Dopo aver chiuso la seconda stagione con il Nea Kifisia (11ma posizione) Barlos ha deciso di tornare a Brescia, da tifoso. E come lo scorso anno, anche in questa occasione Nikos Barlos sarà al San Filippo Barlos ha scelto la gara contro Torino: dodici mesi fa la sua presenza portò decisamente bene alla Leonessa, che chiuse la sua stagione interna battendo la formazione piemontese (87-85): un «talismano» che anche oggi, almeno è l’augurio dei supporters bresciani, possa ripetere i propri benefici. Tanta attesa dunque per la gara odierna sugli spalti, dove l’onda blu, capeggiata dagli «Irriducbili Leonessa», offrirà il solito spettacolo di colori a cui ha abituato il pubblico di casa. Ed i tifosi della curva bresciana sono già in fermento anche per la trasferta di venerdì sera a Torino (20,30, mentre martedì sera ancora al San Filippo è in programma la seconda partita della serie di semifinale): pullman in allestimento, per le iscrizioni ci si può rivolgere al banchetto dei supporters al San Filippo, inviare una mail a irriducibili.leonessa(a)gmail.com oppure chiamare Daniela al numero 3388091692.

a.b.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive