Brescia – Casale Monferrato, l’angolo tecnico di Max Giannoni

8 febbraio 2015

15959421857_86f47679a1_b

Quali sono i punti forti e i punti deboli di Casale Monferrato?
Giochiamo contro la squadra che presenta la miglior organizzazione difensiva del campionato. Questa è la loro arma principale, anche perché possono schierare numerosi quintetti dotati di grande atletismo e fisicità. Rispetto all’andata hanno cambiato Butkevicius con Samuels, perdendo in quanto a fisicità e presenza fisica in mezzo all’area ma guadagnando e non poco in quanto a dinamismo e atletismo. In attacco hanno giocatori esperti come Blizzard, Marshall, quest’ultimo il miglior realizzatore e che ha la capacità di segnare in ogni modo (tre punti, penetrazione, post basso) e Martinoni, lungo atipico, che può essere pericoloso sia lontano che vicino da canestro.

Qual è il giocatore chiave di Casale Monferrato?
Il giocatore chiave può essere Martinoni, proprio per la sua atipicità che gli permette di essere molto pericoloso sia spalle che fronte a canestro e un po’ perché contro di noi ha sempre giocato delle grandi partite. 

Su cosa si basa il loro gioco? Cosa dovremo fare per fermarli?
Dovremo leggere gli accorgimenti difensivi che adotteranno contro di noi, cercando di usare le giuste contromisure contro le situzioni tattiche. Dovremo inoltre giocare una partita di energia, perché sappiamo che loro imposteranno una partita di questo tipo.

Qual è la chiave del match?
La sconfitta di Biella, per quanto non sia un problema, sarà una grande spinta per noi, perchè vogliamo ritornare prepotentemente alla vittoria. La chiave sarà essere in grado di giocare contro i contatti e contro la fisicità che li contraddistingue, mettendo in campo grande energia sin dalle prime battute.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive