Brescia-Casalpusterlengo, l’angolo tecnico di Matteo Cotelli

18 gennaio 2015

Cotelli
Quali sono i punti forti e i punti deboli di Casalpusterlengo?

Sono reduci da 3 vittorie consecutive, con le quali hanno interrotto un lungo fiotto di sconfitte. L’inserimento nelle rotazioni di Saccaggi ha portato grande equilibrio, che forse mancava nella prima parte di stagione. Il loro punto forte è sicuramente la fase difensiva, con la grande aggressività e decisione che mettono a rimbalzo (sono la miglior squadra sia per rimbalzi offensivi che difensivi). Il punto debole può essere la rotazione del pacchetto lunghi, visto che dalla panchina non hanno valide alternative ai giocatori del quintetto.

Qual è il giocatore chiave di Casalpusterlengo?
Il giocatore può essere Alvin Young, con la sua capacità di infiammarsi e trovare il canestro in ogni modo. Nelle ultime partite si è rivelato l’ago della bilancia.

Su cosa si basa il loro gioco?
Come già detto, basano tutto sulla forte aggressività in fase difensiva, mentre in attacco hanno un’accentuata dimensione perimetrale. Sicuramente Saccaggi è in grado di dare una grande mano con il suo estro, insieme all’atletismo di Sant-Roos, che spesso è in grado di mettere a referto giocate importanti per l’esito della partita.

Qual è la chiave del match?
La chiave del match può sicuramente essere il controllo dei rimbalzi: dovremo essere attenti a non concedere seconde opportunità in attacco.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive