Bresciaoggi – La Centrale per il poker e per brindare alla Coppa

21 dicembre 2014

Difficile ma non impossibile: la Centrale del latte è di scena a Napoli oggi (contesa alle 18) per continuare la striscia di risultati utili consecutivi (al momento sono 3 le vittorie in fila dei biancazzurri). E la vittoria odierna darebbe l’accesso alle F6 di coppa Italia oltre a tenere la capolista Verona (destinata al successo contro una Forlì nuovamente in formato under 19) a soli 2 punti. Non sarà però un impegno facile quello in Campania: in primissima istanza perché la Centrale del Latte deve fare i conti con i propri infortunati (out Roberto Nelson e Mirza Alibegovic, con il solo giocatore friulano sceso a Napoli: sul suo utilizzo si deciderà all’ultimo momento, anche se ha ripreso a camminare solo venerdì) ed in seconda battuta perché gli avversari odierni, al di là di una classifica poco positiva, sono squadra da prendere assolutamente con le molle. «E’ stata per noi la settimana più difficile della stagione – ricorda Andrea Diana, facendo ovviamente riferimento a quanto successo con Justin Brownlee -. Quanto successo ha deconcentrato l’ambiente e molte energie sono state spese proprio per risolvere quella situazione». Oltretutto il grosso punto interrogativo riguarda il giocatore americano ed il suo rendimento in campo: il rendimento dell’ex Erie Bayhawks fino a 2 domeniche fa è stato importante, per non dire decisivo per le sorti biancoazzurre. Ma sarà così anche oggi ed in futuro? A questo interrogativo potrà rispondere solo il campo. Per ora Andrea Diana, arrivato nel tardo pomeriggio di ieri a Napoli con la squadra in treno, si è dato un obiettivo ben preciso: «Ora come ora dobbiamo solo pensare a trovare un nuovo assetto che ci permetta di trovare un determinato equilibrio: la squadra dev’esere competitiva per la gara di questo pomeriggio». Intanto la situazione a Napoli è alquanto confusa: palazzetto più volte chiuso da parte dell’amministrazione comunale per pendenze (che oggi sembrerebbero sanate), giocatori in protesta (il georgiano Nika Metreveli sarebbe tornato in madrepatria e da lì non vorrebbe più tornare a Napoli) per mancati pagamenti dei propri emolumenti, altri sul mercato (Jarrius Jackson, che avrebbe richieste da Caserta, ed il grande ex David Brkic ricercato da Torino). E per l’allenatore Marco Calvani, che nelle ultime conferenze stampa ha tuonato nei confronti della società, sono situazioni tutt’altro che facili da gestire. Eppure a Jesi è arrivata una bella vittoria e Andrea Diana è pertanto molto attento alle insidie che la gara potrebbe rivelare: «Napoli ha uno dei roster più competitivi di A2 Gold, e viene da una vittoria super nelle Marche; attenzione particolare all’asse play-pivot Jackson-Brkic; l’esterno americano viene da una prestazione con «p» maiuscola, visti i 32 punti segnati a Jesi lunedì scorso». Ma cosa deve fare la Centrale del latte per tenere testa a Napoli questo pomeriggio? «Potrà apparire scontata come cosa ma tutto dipende come sempre da noi: dovremo scendere in campo con la voglia di ripetere la partita di domenica scorsa contro Agrigento. E’stata una vera impresa che ricorderemo alungo – conclude l’allenatore biancazzurro – e che in termini di fiducia in noi stessi ci ha dato davvero tantissimo».

Alberto Banzola

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive