Bresciaoggi – Centrale, il leone Benevelli suona la carica

20 dicembre 2014

Un leone per la Leonessa: Andrea Benevelli, pesarese classe 1985 figlio d’arte e combattente del parquet per vocazione, domenica dopo domenica sta diventando sempre più un tassello fondamentale per la Centrale del latte. Umile, semplice, estremamente disponibile, Andrea si è tolto la soddisfazione di essere l’mvp dell’ultima gara del San Filippo, quella della rimonta contro Agrigento. «Vabbè non esageriamo – minimizza lui -: diciamo che nell’emergenza siamo stati bravi fino adesso, e non solo domenica . Quando si presenta, diamo tutti qualcosa in più: è la forza del gruppo». Ed in effetti Brescia coi cerotti addosso non si è mai tirata indietro. Anzi… E domenica al pala Barbuto dovrà veramente fare gli straordinari: Giammò al rientro, Tomasello con qualche problemino al polso destro, ma soprattutto senza Nelson e senza Alibegovic. «Ecco: domenica dovremo veramente esaltarci». Già… ma domenica che partita sarà? Qualcuno si domanda (viste le vicende attuali) se si giocherà (si giocherà, lo possiamo confermare senza alcun dubbio) ma soprattutto che partita sarà: dalla Campania rimbalzano voci molto contrastanti tra di loro, tra stipendi non pagati, affitti pagati in ritardo, coach Calvani scontento, infortunati immaginari e giocatori che, da prima invitati a cercarsi un’altra squadra, hanno chiesto di essere lasciati liberi. Una situazione al limite dell’impossibile in cui l’Ad del Basket Napoli (Muro) sta cercando di barcamenarsi e che fa da cassa di risonanza a quanto succede a Forlì (domenica in campo a Verona, ma ancora in difficoltà) e Veroli (i soci della Stella Azzurra hanno dato forfait: domenica ultima partita dei senior, dopodiché resteranno 4 tesserati in Ciociaria). «Abbiamo notizie contrastanti da Napoli: bisogna dire però che nei momenti di difficoltà le squadre forti ed esperte tirano fuori delle risorse fisiche e mentali inattese». Tra i giocatori in partenza sembrerebbe esserci anche David Brkic, ex di lusso: nei giorni scorsi il suo nome è stato accostato a quello di Torino, che ha tagliato uno dei suoi giocatori più importanti (Valerio Amoroso, ndr) per motivi disciplinari. Il taglio dell’ex Montegranaro ha innescato nella società del presidente Forni una reazione a catena con forti tensioni a livello manageriale e tante voci di mercato (taglio di Berry, arrivo di Portannese dalla Virtus Bologna?). Benevelli resta concentrato sulla gara di domenica: «Non facciamoci distrarre da voci extra-parquet: Napoli è piena di giocatori d’esperienza: una squadra di giovani può soffrire estremamente, Napoli, a mio avviso, da questa situazione può ricevere solo più carica». 9,2 punti e 5,3 rimbalzi di media in 21′ di presenza per gara: medie raddoppiate rispetto alla stagione in canotta Upea, con 16 punti segnati a Casale Monferrato, 17 a Trieste e 18 a Forlì, un giocatore formato export. «Sul parquet cerco sempre di fare qualcosa in più: sono contento della mia stagione visto che venivo da un’annata in cui non ho giocato tanto. Ho molta voglia di fare bene, e credo che mi abbia aiutato parecchio». Oltretutto espugnando Napoli, Brescia strapperebbe con 2 turni d’anticipo il biglietto d’accesso alla F6 di coppa Italia a Rimini (6/8 marzo 2015): «Sarebbe un premio per l’ottimo lavoro svolto fino adesso. Siamo un gruppo super, che merita questo genere di gratificazione». Conclude l’ala forte della Centrale del Latte: «la consapevolezza che il lavoro svolto è stato ottimo e siamo sulla strada giusta. Anche per questo ce la metteremo tutta per vincere».

Alberto Banzola

———-

Partenza a mezzogiorno in treno per la Centrale del latte che via Milano raggiungerà nel tardo pomerggio il capoluogo campano. Due i giocatori che sicuramente non saranno della partita: per Nelson oggi è in programma una nuova risonanza magnetica per valutare il decorso dello strappo all’anca, mentre la distorsione di Mirza Alibegovic sembrerebbe meno grave rispetto a quanto preventivato in un primo momento. Resta d’obbligo il condizionale, ma ci potrebbe anche essere un suo recupero per la partita casalinga contro Barcellona in programma il prossimo 28 dicembre. Sono invece partiti per Napoli Justin Brownlee, che dopo la «sparizione» di domenica scorsa è tornato nei ranghi; Daniele Tomasello, reduce da un problema al polso destro ma presente nella trasferta; e Joshua Giammò che ha risolto tutti i suoi problemi fisici. E per la sfida in Campania servirà l’apporto di tutti per un finale d’anno intenso che la Centrale del latte vuole onorare al massimo: chiudere al secondo posto il 2014 sarebbe davvero il miglior regalo possibile.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive