Bresciaoggi – Centrale-Brownlee, «perdono» con multa

17 dicembre 2014

Si è chiusa ieri mattina la vicenda che ha visto protagonista (in negativo) l’ala forte della Centrale del Latte Justin Brownlee: sparito alla vigilia della gara (vinta) contro Agrigento (in onda questa sera alle 22.30 sulle frequenze di Bre-sciaTv, canale 16 del digitale terrestre), ieri mattina Justin ha incontrato la società di via Bazoli, scusandosi e chiarendo la sua posizione, spiegando di avere un grosso problema che sta cercando di risolvere. E la società ha deciso di «perdonare» l’ex giocatore degli Erie Bayhawks: un po’ per il periodo natalizio, un po’ perché grosse alternative il mercato non le offre e perché comunque il rendimento in campo di Brownlee è sempre stato molto positivo. «Ci siamo chiariti – ha confermato il general manager Ferencz Bartocci -. Comprendiamo le problematiche che hanno colpito Justin che ci ha chiesto ancora un briciolo di tempo per risolvere le sue pendenze». Certo è che Brownlee non la passerà liscia: «I contratti -taglia corto Bartocci – vengono fatti anche per tutelare le società sotto questo profilo: in base a quanto concordato a inizio stagione, ci sarà una sanzione». Bartocci non ne fa mai riferimento, ma sicuramente ci sarà una multa per il giocatore americano. «Ancora 24 ore»: questa la sua richiesta, dopo aver chiesto scusa alla società ed alla squadra, con cui tornerà ad allenarsi domani pomeriggio. Brownlee dovrà trovare la maniera giusta di farsi perdonare dai compagni di squadra, che domenica erano rimasti sconcertati davanti a questa defaillance e che alla ripresa di ieri pomeriggio hanno appreso del reintegro del compagno. Nessuno ne ha voluto parlare, dopo che anche quelli un po’ più scafati come Alessandro Cittadini e Marco Passera, erano rimasti perplessi: mai prima d’ora si erano trovati davanti a questa situazione. Eh sì che gli americani hanno abituato il pubblico italiano ad ogni genere di stranezza, e sui social media i tifosi sono stati tutti abbastanza d’accordo nel perdonare Brownlee. Sulla scelta societaria ha pesato tantissimo la buona condotta tenuta fino a domenica di Justin, che in campo risulta essere il giocatore con il miglior rendimento e che secondo tutti sin da domenica a Napoli tornerà a lottare senza alcun timore. Di questo avviso tutti i partecipanti alla cena di auguri di Natale organizzata dal Basket Brescia Leonessa a Villa Fassati Barba a Passirano dove come da copione ha tenuto banco Matteo Bonetti, che ha presentato il suo nuovo libro (il basket dalla A alla Z), il film di Natale ed ha duettato con Piergiorgio Cinelli: un modo per distendere i nervi in vista della partita di Napoli. Ieri inoltre sono usciti i provvedimenti del giudice sportivo che hanno interessato i 2 club: per Brescia 667 euro di multa per insulti agli arbitri, per Napoli (vittoriosa a Jesi 82-92) la squalifica per un turno di coach Marco Calvani. Chiuso il capitolo Brownlee, adesso è tempo di concentrarsi sulla trasferta in Campania: vincendo Brescia riuscirebbe a mettere in tasca il biglietto per la F6 di coppa Italia, ma Brkic (ex di turno) e soci sembrano intenzionati a recuperare il maggior numero di punti possibili in classifica dopo un inizio pessimo.

Alberto Banzola

———-

Recuperato Brownlee, adesso i riflettori vengono girati su Roberto Nelson. In attesa della contro risonanza magnetica di domani, ci si chiede quale sarà l’esito delle analisi definitive e soprattutto quando l’ex Oregon State tornerà a giocare. E soprattutto come: dopo un inizio di stagione molto positivo, Nelson è calato nel rendimento alla distanza. Effettivamente a livello mentale Nelson non appare essere un giocatore sereno: domenica nel primo tempo ha platealmente rifiutato una tripla piedi per terra. Una scelta che può andar bene se sei al Campetto con gli amici, non se giochi in A2 Gold: insicuro. Ecco, l’aggettivo giusto è proprio questo per Nelson, che già a Forlì si era limitato nel primo tempo a sparacchiare dai 6,75 e che spesso ha trovato domenica posto in panchina con Loschi e Alibegovic a completare il reparto degli esterni con Femandez: pare scontato che ogni dubbio sul suo rendimento dovrà attendere il 2015 per essere dissolto.

A.B.

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive