L’angolo tecnico di Max Giannoni: Brescia Vs Napoli

6 dicembre 2013

Max Giannoni

Quali sono i punti deboli e i punti di forza di Napoli?
Sicuramente Napoli nei pronostici di inizio anno era considerato da tutti uno dei possibili top team della categoria,visto l’acquisto di giocatori importanti ed esperti per questo Campionato come Allegretti,Bryan,Malaventura e il nostro ex Brkic nominato miglior giocatore italiano della  scorsa stagione,accanto a Valentini,a giovani di belle speranze come Ceron e Montano, e 2 americani come Black e l’ex Nba Weaver.Ad oggi però in effetti la compagine campana ha raccolto poco,3 sole vittorie a fronte di 7 sconfitte,e soprattutto ha mostrato un po’ di difficoltà nel gioco di squadra,e soprattutto nella continuità di rendimento all’interno della stessa gara.

Qual è il giocatore di Napoli su cui porre maggiore attenzione?
Direi che non si può non porre attenzione su un giocatore come Brkic,il quale sicuramente avrà anche una spinta motivazionale in più,visto che si presenta per la prima volta da ex sul campo del S.Filippo;un giocatore esperto,capace di avere gioco vicino a canestro ma di essere pericoloso allo stesso modo fuori dall’arco dei 3pti,e verso il quale sarà necessario avere un occhio di riguardo.

Su cosa si basa il gioco di Napoli? Cosa bisogna fare per bloccare i suoi “ingranaggi” offensivi e difensivi?
Napoli è decisamente una squadra più votata all’attacco che alla difesa.Tende a vivere delle iniziative di uno contro uno tutto campo  dei 2 giocatori USA ma anche di Ceron,delle situazioni di uscita dai blocchi di Malaventura e quelle di PnR che possono coinvolgere Black e i 3 lunghi(Bryan, Brkic ed Allegretti),sia in roll che in pop:tante frecce in faretra,e soprattutto la capacità da parte di molti di realizzare tanti punti in pochi minuti,magari dopo essere stati “nascosti” anche per lunghi periodi.

La chiave del match?
Proprio per quanto detto prima lo sforzo ed il nostro impatto difensivo dovrà essere importante e continuo sin dalla palla a due.Soprattutto dovremo essere bravi a rompere tutte quelle situazioni di 1c1 immediate,al primo passaggio,che i giocatori di Napoli prediligono,e costringerli a fare quello in cui finora hanno difettato,ovvero  giocare con un passaggio in più.Allo stesso modo sarà fondamentale riuscire ad imporre il nostro ritmo offensivo, attaccando con pazienza,cambiando se necessario  anche più volte fronte all’attacco,usando cambi di ritmo sulle uscite e ponendo attenzione alla qualità dei blocchi,e capitalizzare quei vantaggi costruiti.

Il tutto per mettere altri 2 punti in cascina,e far tornare il S.Filippo,grazie anche all’apporto del nostro pubblico, il “fortino” che è sempre stato..!!!

GO LEONESSA GO!

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive