A tu per tu con il capitano, Andrea Scanzi!

21 marzo 2013

Questa settimana il protagonista della nostra intervista è Andrea Scanzi, il capitano della Centrale del Latte Basket Brescia Leonessa. Andrea è una guardia, dotato di grandi doti fisiche e di una buona mano, in grado di distinguersi per le sue grandi doti difensive sia sulla palla non. Bando alle ciance, iniziamo!

Ciao Andrea, come va? Tutto bene?
Ciao! Tutto bene, benissimo grazie.

Da bresciano doc, come ci si sente a giocare nella Leonessa e soprattutto esserne il capitano?
E’ sempre stato il mio sogno giocare per la squadra della mia città. E questo sogno si è realizzato: scendere in campo con la maglia della Leonessa ogni Domenica, tra l’altro da capitano, è un’emozione indescrivibile

Come trovi la società? E i tifosi?
La società è “super”: ci sono sempre vicini e quando c’è un problema trovano sempre la soluzione, sanno sempre come aiutarci. Per quanto riguarda la tifoseria, che dire… sono veramente incredibili, crescono anno dopo anno e durante questa stagione sono veramente tantissimi e altrettanto calorosi. Ci danno aiutano sempre nei momenti di difficoltà.

Cosa ne pensi della squadra e del coach?
Il coach è uno dei più esperti nel panorama italiano, sa sempre come spronarci e spingerci a dare il meglio. Devo dire che abbiamo uno spogliatoio meraviglioso: mi trovo bene con tutti, siamo una vera squadra, con la S maiuscola.

Dove pensi si possa arrivare questa stagione? Avete un obiettivo?
All’inizio della stagione l’obiettivo principale era la salvezza ma partita dopo partita ci siamo resi conto del nostro potenziale: ora possiamo parlare di playoff. Lotteremo fino alla fine e cercheremo di arrivare il più lontano possibile.

Dove aspiri ad arrivare nella tua carriera?
Non mi pongo limiti: voglio arrivare il più in alto possibile.

Hai un soprannome?
Nessun soprannome: mi chiamano Andrea o Scanzo. Beh, forse quest’ultimo è un soprannome (ride).

Numero fortunato?
 16, come il mio numero di maglia.

Che squadra tifi?
Ho da sempre (oltre al Brescia) una sola squadra nel cuore: il Milan.

Hai un particolare rituale prima di scendere in campo?
Nessun rituale. Cerco solo di concentrarmi per dare il massimo in campo.

Musica e cantante preferito?
Generi musicali preferiti sono hard rock, rock, mentre il mio gruppo preferito sono gli Avenged Sevenfold.

Piatto preferito?
Adoro gli gnocchi, li mangio con ogni condimento, cucinati in qualsiasi maniera.

Giocatore più forte incontrato/con cui ti sei allenato?
Sicuramente il “Romba”, Rodolfo Rombaldoni.

Attacco o difesa?
Mi è sempre piaciuta la fase difensiva, quindi dico senza dubbio difesa.

Un aggettivo per descriverti?
Tenace.

Un messaggio ad un membro della squadra:
Fede sei scarso a PES (Pro Evolution Soccer, videogioco di calcio).

Un messaggio ad un membro dello staff (coach, vice, medici, fisioterapisti etc etc):
Luca (Migliorati), tagliati quei capelli!

Grazie Andrea del tempo che ci hai dedicato!

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive