Sicilia “amara” per la Leonessa!

2 dicembre 2012

La partita della Leonessa è durata, di fatto, poco più di qualche minuto.
La squadra di coach Martelossi si è schiantata contro il muro solido, solidissimo di Capo d’Orlando, che ha sfoderato una di quelle prestazioni che ti ricordi per sempre: 97 punti segnati, in Legadue si vedono di rado.
Dopotutto, come sarebbe andata la partita, lo si era capito sin dall’inizio: il 26-16 del primo periodo, il modo in cui erano arrivati i canestri della squadra di casa, la grande giornata degli americani. Tutti indizi che portavano a predire una grande prestazione di Capo d’Orlando: così è stato.
Basti solo dire che Young, Battle e George in 3 hanno collezionato la bellezza di 69 punti sui 97 totali di squadra. Un dominio in lungo e in largo della squadra siciliana, la Centrale ha fatto di tutto per limitare i danni e cercare di recuperare il più possibile, ma Capo d’Orlando era veramente in giornata di grazia.
Ormai è acqua passata, bisogna pensare solo e soltanto al prossimo impegno: la trasferta contro Imola.
Sempre e comunque, Forza Leonessa!!!

Upea Capo d’Orlando 97–72Centrale del Latte Brescia
(26-16; 46-37; 71-51;97-72)
Arbitri
Quarta, Di Toro, Cerbaucich
Quintetti iniziali
Brescia: Fernandez, Jenkins, Giddens, Barlos, Brkic
Capo d’Orlando: Mathis, Battle, Benevelli, George, Young

1° Quarto
Pronti e via: l’effetto Pozzecco si fa subito sentire, con Capo d’Orlando che gioca bene in transizione e difende in modo egregio sulle penetrazioni bresciane. Il risultato è un fulmineo 7-2 di parziale, propiziato dalla grande serata realizzativa di  Otis George, che dopo 5 minuti di gioco è già a quota 7 punti.
Brescia riesce a reagire con la coppia americana Giddens-Jenkins che si carica sulle spalle la squadra, ma l’intensità in attacco di George & Co è un qualcosa che sembra difficile da arginare.
Grande partenza di Capo d’Orlando, che segna tanto, in difesa difende un gran bene e riparte subito in contropiede, creando di fatto numerosi tiri ad alta percentuale: la squadra bresciana sembra spiazzata da questo inizio e Young ne approfitta ancora, segnando altri 2 punti con una schiacciata, portando la sua squadra a +7. Pellegrino si inventa un gioco da tre punti che chiude il primo quarto sul punteggio di 26-16: la motivazione di questo largo vantaggio è soprattutto il 60%  dal campo con cui la squadra di Pozzecco sta tirando.
2° Quarto
Si apre il secondo periodo, ma la storia è sempre la stessa: Battle segna da sotto e la Leonessa è a -12 lunghezze; sulla rimessa successiva, dormita della Centrale: Stojkov perde un sanguinoso pallone e Battle (ancora una volta) inchioda la schiacciata del +14, costringendo coach Martelossi a chiamare minuto di sospensione. La scossa prova a darla Federico Loschi, che con uno stupendo 2+1 riporta i suoi a -9, ma Portannese rimette le cose in chiaro e con una tripla ricaccia la Leonessa a -12.
Ancora Loschi, che questa volta segna da tre, accorcia per la seconda a -9, ma Capo d’Orlando segna subito dopo e continua la sua grande partite ad altissime percentuali: le lunghezze di vantaggio sono sempre più di 10 e la coppia Otis George-Ryan Battle, da 24 punti in due alla pausa lunga, sta letteralmente dominando il match. Le squadre continuano il botta e risposta fino alla fine del secondo periodo, fissando il punteggio sul 46-37.
Sicuramente una grande partita giocata sin qui dalla squadra del Poz, con percentuali incredibili sia da due che da tre, rese possibili soprattutto dalla grande serata di George e Battle. Brescia dal canto suo non sta avendo un grande contributo dai suoi due americani (Giddens e Jenkins), che alla pausa lunga hanno soltanto 10 punti a referto complessivamente; grande prova invece di Federico Loschi, che dopo 20 minuti di gioco ha 9 punti a referto.
3° Quarto
Si apre il secondo tempo, Brescia sembra essere scesa in campo con un piglio diverso: i ragazzi di coach Martelossi attaccano con più continuità il ferro e cercano di ricucire lo strappo, ma come nella prima metà di partita, ciò che non va è la difesa. E' tutto un fuoco di paglia. Arriva sovente una brutta palla persa (questa volta di Fernandez), che porta Battle alla schiacciata a due mani: altri due punti facili e Capo d’Orlando se ne va.
Ora la Centrale è in un grande momento di difficoltà, sotto di 13 punti a 6.30 minuti alla fine del terzo periodo: Battle, Young e compagni stanno viaggiando a punteggi Nba.
Ci sono ben 3 giocatori della squadra di casa in doppia cifra (Battle, Young e George), mentre per Brescia ancora nessuno ha superato quota 10 punti.
Non c’è proprio niente da fare, Brescia non gira e Capo d’Orlando sembra infermabile: a 4 minuti dalla fine del terzo periodo la squadra del Poz è sopra di ben 21 punti, con la partita che sembra di fatto già conclusa.
Young non ha pietà per la Leonessa: ennesima tripla e -22 per la Leonessa. Arriva la timida reazione, portata dal capitano, Andrea Scanzi, ma il suo piazzato dalla media vale soltanto il -20 con cui si chiude il periodo.
Sono cifre incredibili quelle della squadra di casa: il trio in doppia cifra di Capo d’Orlando ha messo insieme ben 53 punti sui 71 totali di squadra. Brescia invece tira molto meno e peggio della squadra di Pozzecco, oltretutto perdendo 18 palloni: con queste statistiche, pensare di puntare ad una vittoria è veramente difficile.
4° Quarto
Ultimo periodo che si apre senza grosse pretese da parte dei nostri, che cercano di giocare al meglio e di recuperare più punti possibili: la Centrale gioca bene in attacco, ma Benevelli dall’altra parte non sbaglia niente e di conseguenza a 7 minuti dal termine sono ancora 18 i punti che dividono le due squadre.
Oramai la storia la sapete già: Brescia segna, Capo d’Orlando risponde, Brescia non segna e Capo d’Orlando trova il canestro. Qualunque cosa succeda sul parquet, la squadra di casa segna: a 4 minuti dal termine la Leonessa naviga 21 punti di differenza, siamo già ampiamente in garbage time.
Continua il bombardamento da parte dei padroni di casa che si fermano solo sulla sirena: il risultato è 97-72.
Brescia che esce dal Pala Fantozzi con una sconfitta non necessariamente negativa, visto che è comunque arrivata contro una Capo d’Orlando alla soglia della perfezione: una partita fantastica da parte della squadra di coach Pozzecco, che ha comandato nel punteggio dall’inizio alla fine, trasformando in punti ogni pallone che gli capitava tra le mani.
Grandi protagonisti del match Young, Battle e George, che a turno saliti sul palcoscenico del Pala Fantozzi  e hanno letteralmente oscurato la Leonessa che nonostante una discreta prestazione (a tratti pienamente insufficiente), è stata travolta dalla marea siciliana.

Centrale del Latte Brescia: Stojkov 2, Loschi 13, Giddens 16, Cuccarolo 4, Jenkins 9, Fernandez 5, Lombardi 2, Scanzi 2, Brkic 9, Barlos 10, Dalovic, Vinati.
Capo d’Orlando: De Lise 2, Mathis 4, Pellegrino 3, Bontempo, Portannese 6, George 21, Benevelli 11, Palermo, Young 28, Poletti 2, Battle 20.
 
Forza Leonessa!!!

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla vita della squadra e numerose offerte esclusive